4,8 miliardi di euro: è quanto manca nelle tasche dei lavoratori dipendenti, al netto dell’IRPEF nazionale e delle addizionali regionali e comunali che, a causa del COVID – 19, sono stati posti in cassa integrazione nei mesi di aprile e maggio…>>

Continua a leggere qui

Fonte: uil.it