Come già riportato da TuttoLavoro24.it nei giorni scorsi, il Ministero dell’Economia si appresta a varare un nuovo decreto per introdurre ulteriori misure a sostegno delle grande aziende “di interesse strategico per la nazione”. Le prime operazioni sono state per ora solo annunciate, ma per l’avvio del Fondo con il quale lo Stato entrerà direttamente nel capitale delle imprese in crisi mancano alcuni aspetti applicativi.

A tal proposito, secondo quanto anticipato dal quotidiano economico Il Sole 24 Ore, accanto agli aiuti di Stato è previsto un capitolo significativo a salvaguardia della forza lavoro: 

“le imprese beneficiarie che mantengono almeno il 70% dell’occupazione, saranno supportate nella corresponsione dei salari con un massimo di 5mila euro annui per ogni lavoratore, fino a tre anni”.

Il Ministero dello Sviluppo ha denominato tale fondo come «Fondo per la salvaguardia dei livelli occupazionali e la prosecuzione dell’attività d’impresa», il quale, complessivamente, ha una dotazione di 300 milioni ed è un’evoluzione di un fondo precedentemente riservato al salvataggio di imprese titolari di marchi storici. 

Manuel Baldi