E’ stata completata da pochi giorni la raccolta degli emendamenti al Decreto agosto, attualmente in discussione alla Commissione Bilancio del Senato, per la sua conversione in legge (da realizzarsi entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore: 15 agosto scorso).

Tra questi vi è un emendamento presentato dai Senatori di LeU (Liberi e Uguali) che propone estendere i Bonus anche ad una particolare categoria di lavoratori stagionali: quelli “in somministrazione con contratto stagionale impiegati nei settori diversi dal turismo e dagli stabilimenti termali, ivi comprese le strutture sanitarie pubbliche e private”.

Si tratta di una delle categorie dell’ampia galassia dei lavoratori stagionali, che era stata esclusa dai Bonus del Decreto Cura Italia, Decreto Rilancio e, appunto, da recente Decreto agosto.

Ora questo emendamento mira a riconoscere i Bonus anche a loro. La proposta prevede che a questi lavoratori stagionali in somministrazioni vengano riconosciute tre mensilità:
– 600 euro del mese di aprile
– 600 euro del mese di maggio
– 1.000 euro una tantum

Qualora dovesse essere approvato questo emendamento, e dunque integrato al testo di legge, verrebbe superata solo una minima parte delle esclusioni dei lavoratori stagionali realizzata dai provvedimenti degli scorsi mesi: per leggere l’inchiesta di TuttoLavoro24.it con l’elencazione di tutte le categorie dei lavoratori stagionali esclusi clicca qui.

Fonte: Senato.it