Con la sentenza 22500/2020, la Cassazione afferma che il pubblico dipendente che si fa timbrare il cartellino da un collega risponde del reato di truffa senza attenuanti.

Continua a leggere qui

Fonte: lavorosi.it