Con l’ordinanza 20466/2020, la Cassazione afferma che la privazione delle mansioni costituisce un danno autonomamente risarcibile rispetto al versamento della retribuzione piena per illegittima collocazione in cassa integrazione.

Continua a leggere qui

Fonte: lavorosi.it