Rinnovato dopo 14 anni il contratto collettivo nazionale di lavoro degli operatori della Sanità privata sottoscritto, alla presenza del Ministro della Salute Roberto Speranza, da Aiop e Aris da una parte e dai sindacati dei lavoratori Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl dall’altra.

Il contratto, anche se firmato nel 2020, va a regolare la vigenza per il triennio 2016-2018. Sul fronte salariale stabilisce un incremento pari al 4,21%, per un valore medio mensile di 154 euro alla categoria D, e una Una tantum di 1.000 euro (detassata) per tutti i lavoratori erogata in due tranche.

Per consultare la tabella completa con i nuovi minimi retributivi diffusa dai sindacati CLICCA QUI.

MALATTIA. Viene distinto il comporto di quest’ultima da quello dell’infortunio, escludendo dal comporto i giorni per le terapie salvavita e i giorni successivi di assenza dal lavoro dovuti agli effetti collaterali.

FERIE. Si garantiscono almeno 15 giorni di calendario consecutivi di ferie dal 15 giugno al 15 settembre. Sono introdotte anche le ferie solidali per i lavoratori in situazioni di difficoltà personale.

FORMAZIONE. Si prevede la costituzione di un fondo a carico delle aziende per la formazione e l’aggiornamento professionale, garantendo l’acquisizione dei crediti Ecm.

ORARIO DI LAVORO. Nell’orario di lavoro vengono garantiti 14 minuti di tempi di vestizione compresi nell’orario.

RIPOSI. Viene stabilito che il riposo giornaliero di 11 ore consecutive, previsto dalla legge, è senza deroghe, inoltre la prestazione massima dell’orario giornaliero non può superare le 12 ore e viene introdotto un articolo sull’orario di lavoro flessibile.

PERMESSI SPECIALI. 12 ore annue di permesso retribuito per viste mediche.