La versione definitiva del Decreto Ristori, che TuttoLavoro24.it ha potuto visionare in esclusiva per i suoi lettori, a breve sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Il testo conferma la proroga del Reddito di Emergenza, per ben due mensilità, novembre e dicembre.

Anche questa volta l’ammontare mensile del sussidio si aggira intorno ad una quota compresa fra i 400 e gli 800 Euro, in base al reddito e alla composizione del nucleo familiare, arrivando a 840 nel caso in cui, nel nucleo familiare beneficiario, dovesse esserci anche una persona affetta da disabilità grave. Il sistema di calcolo infatti è lo stesso previsto dal Decreto Rilancio di maggio.

Per poter ottenere il sussidio è necessario disporre di una serie di requisiti:

  • Essere residente in Italia;
  • Avere un valore del reddito familiare, nel mese di settembre 2020, inferiore all’importo della mensilità dello stesso REM, calcolata secondo i parametri previsti dal DL Rilancio: in altre parole occorre aver percepito un importo inferiore a quello che si “chiede” (vedi tabella in basso);
  • Avere un valore del patrimonio mobiliare familiare, con riferimento all’anno 2019, inferiore alla soglia di 10.000 Euro, incrementata di 5.000 Euro per ogni componente successivo al primo, fino a un massimo di 20.000 Euro. Il predetto massimale è incrementato di 5.000 euro in caso di presenza nel nucleo familiare di un  componente in condizione di disabilità grave  o  di  non  autosufficienza  come definite  ai  fini   dell’Indicatore   della   Situazione   Economica Equivalente (ISEE), di cui al decreto del  Presidente  del  Consiglio dei ministri 5 dicembre 2013, n. 159;
  • Un valore ISEE inferiore a 15.000 Euro.
REDDITO DI EMERGENZA: INCOMPATIBILITA'
Il Rem non è compatibile con la presenza nel nucleo  familiare di componenti che percepiscono o hanno percepito i Bonus dell'emergenza, di cui all’art. 15 del Decreto Ristori: per l’elencazione completa clicca qui.
Il Rem non è altresì compatibile con la presenza nel nucleo familiare di componenti che siano al momento della domanda in una delle seguenti condizioni.
1) essere titolari di pensione diretta o indiretta, fanno eccezione i percettori dell'assegno ordinario di invalidita';
2) essere titolari di un rapporto di lavoro dipendente la cui retribuzione lorda sia superiore all'importo che si richiede a titolo di Rem;
3) essere percettori di reddito di cittadinanza.

REDDITO DI EMERGENZA: DOMANDA INPS

Secondo quanto prevede la norma di legge esaminata la domanda Inps per avere il Rem deve essere fatta entro il 30 novembre 2020. Occorrerà tuttavia attendere le opportune istruzioni Inps.

MA COME SI CALCOLA L’AMMONTARE DEL REM?

Il calcolo del Reddito di Emergenza è molto semplice, basta prendere a riferimento la tabella ufficiale INPS riportata qui sotto e divulgata con la circolare n. 69 a seguito dell’emanazione del Decreto Rilancio, che il Decreto Ristori ha confermato. Nella tabella ci sono gli importi già determinati a seconda della composizione del nucleo familiare.

Otello Bianchi

LEGGI ANCHE:

Reddito di Emergenza nel Decreto Ristori: ecco chi può riceverlo senza fare domanda [ESCLUSIVA]