La campagna vaccinale procede in maniera serrata. Intervistato dal direttore de La Stampa, Massimo Giannini, Fabrizio Curcio, Capo del Dipartimento della Protezione Civile, ha fatto un bilancio di come sia stata gestita l’emergenza sanitaria negli ultimi tre mesi, grazie alla coordinazione del commissario Francesco Figliuolo, mostrandosi al tempo stesso prudente ma ottimista.

Durante l’intervista – disponibile su La Stampa in edicola oggi – Curcio ha formulato alcune previsioni sulla gestione futura dei contagi da Coronavirus, che influenzerà i comportamenti e le vite degli italiani.

In particolare rispetto all’introduzione dell’obbligo vaccinale dichiara che “Poteva essere una soluzione, ma è un tema che spetta alla politica. Avrebbe significato forzare la volontà delle persone di fronte a vaccini ancora soggetti a rolling review (revisione ciclica, ndr). Comunque è un’opzione da valutare bene per il futuro, visto che dovremo fare richiami annuli

Curcio, dunque, giustifica la decisione politica di non aver scelto di rendere la vaccinazione obbligatoria, dal momento che si tratta di vaccini che necessitano ancora di una revisione ciclica. Tuttavia, il Capo del Dipartimento della Protezione Civile anticipa che in futuro la vaccinazione contro il Covid potrebbe essere resa obbligatoria, e che serviranno richiami annuali per contrastare l’esposizione al virus.

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.