Con l’ordinanza 15161/2021, la Cassazione afferma che l’utilizzo a fini disciplinari delle e-mail dal contenuto offensivo, inviate da un dipendente in una mailing list, non integra una violazione del codice della privacy.

Continua a leggere qui

Fonte: lavorosi.it