A margine della presentazione del Decreto Green Card approvato ieri dal Consiglio dei Ministri e che entrerà in vigore il prossimo 6 agosto, il presidente del consiglio Mario Draghi ha risposto alle domande dei giornalisti in conferenza stampa.

Tra i vari interventi la giornalista dell’Ansa ha fatto notare che nel Decreto non c’è traccia del tema lavoro e della richiesta di Confindustria di introdurre delle disposizioni specifiche per gestire i non vaccinati in azienda e spingerli verso l’inoculazione. “E’ un ipotesi valutabile o è una misura eccessiva che impatta anche sul diritto al lavoro?ha domandato la giornalista.

Questa la risposta di Draghi: “Ci stiamo pensando, è una questione complessa. E comunque è questione da discutere anche con i sindacati”.

Dunque il premier per l’ennesima volta tende la mano ai sindacati, attribuendo loro un ruolo di primo piano nelle future scelte circa la vaccinazione di chi frequenta i luoghi di lavoro.

Poco prima Draghi aveva detto, con queste parole, che ogni provvedimento in proposito è rinviato alla settimana prossima:

“il decreto di oggi ci è parso già molto complicato per abbracciare tutti i problemi che ci sono intorno al covid19 in questo momento. In altre parole sono rimaste fuori dal decreto di oggi tre aree: scuola, trasporti e lavoro. Questi verranno affrontati molto rapidamente, credo dalla settimana prossima, probabilmente la settimana prossima, forse l’altra. Però chiaramente richiedono altre misure, provvedimenti specifici, sono particolarmente complessi”.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.