La quarta ondata muove i suoi primi passi, i contagi in Italia risalgono giorno dopo giorno e torna a piombare sull’Italia l’incubo delle restrizioni con Sicilia, Sardegna e Lazio che tra due settimane rischiano di finire in zona gialla nonostante siano stati modificati i parametri per l’uscita dalla zona bianca.

Secondo quanto scrive il Corriere della Sera nella versione on-line si tratta di una possibilità concreta, che comporterebbe il ritorno del coprifuoco a mezzanotte e l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto.

La situazione più grave di tutti è quella della Sicilia che presenta 80 casi settimanali come incidenza, quindi oltre il limite, e ha occupato l’8% dei letti ordinari e il 4,7% di quelli in terapia intensiva. Cifre sempre più vicine al necessario cambio fascia.

A preoccupare è anche la Sardegna, con 136 casi settimanali per 100mila abitanti: l’occupazione è al 4,4% in area medica e al 4,2% in terapia intensiva.

E poi c’è il Lazio di Nicola Zingaretti: i reparti sono pieni al 4%, le rianimazioni al 3,7% e l’incidenza è pari a 87,5 casi. Tutto ciò nonostante gli alti numeri delle vaccinazioni effettuare a Roma e nelle altre province della regione.

A causa della variante Delta la situazione è diversa rispetto allo scorso anno, quando invece il Covid era lentamente riapparso sulla scena al termine dell’estate.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.