Il decreto Green pass scuola e trasporti ha tagliato fuori da ogni provvedimento i lavoratori di bar, ristoranti, cinema, teatri, palestre, ecc. che quindi rimangono esclusi dall’obbligo della ‘certificazione verde’. Dal 6 agosto dunque l’obbligo è solo per la clientela, diversamente da quanto annunciato nei giorni precedenti, e ‘non c’è alcuna contraddizione’, fanno sapere dal Governo.

A sintetizzare la linea prevalsa all’interno dell’Esecutivo è il quotidiano Il Mattino in edicola oggi che raccoglie le partole del Sottosegretario alla Salute, Andrea Costa:

che nega l’incongruenza tra clienti dei locali al chiuso con il Green pass e gestori e camerieri senza. «C’è una netta distinzione tra gli avventori e il ristoratore o il barista. Se facciamo una riflessione un pochino più approfondita, è chiaro che se il ristoratore e il cameriere rispettano le regole previste, operano con i dispositivi di sicurezza e indossano la mascherina. Chi invece sta seduto al tavolo a consumare un pasto ovviamente non può indossarla. Ci sono quindi atteggiamenti e comportamenti diversi. E’ questo il senso della distinzione»”.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegramcliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.