E’ un vero e proprio colpo di scena l’annuncio fatto ieri dal Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese durante un evento in cui si discuteva del Green pass e dei controlli a carico dei gestori dei locali come bar, ristoranti, cinema, palestre, teatri, ecc. (obbligo in vigore dal 6 agosto), come stabilito dal Decreto:

Gli esercenti non devono fare i poliziotti”, ha detto la ministra col tono di chi intende meglio precisare la portata della norma prevista dal provvedimento: andare al ristorante con il Green Pass “è come andare al cinema e mostrare il biglietto”. 

E poi, a quel punto, ribadisce che saranno i titolari dei locali a dover provvedere all’osservanza delle misure anti-Covid, vale a dire il Green pass ma “certo non sono tenuti a chiedere la carta d’identità e faremo una circolare come Viminale per spiegare che non sono tenuti a farlo. Nessuno pretende che gli esercenti chiedano i documenti, i ristoratori non devono fare i poliziotti”.

Le parole della Ministra hanno fatto presto il giro d’Italia e il direttore generale della Federazione Italiana Pubblici Esercizi (Fipe) di Confcommercio, Roberto Calugi che ha invitato a maggiore chiarezza in ordine alle sanzioni e alle responsabilità degli esercenti:

“Apprezziamo le parole del ministro Lamorgese sul fatto che non spetti ai gestori controllare i documenti, perché questo andrebbe oltre i loro doveri, ma è bene che si faccia chiarezza: se una persona esibisce un Green pass di un’altra persona e viene scoperto nei controlli a campione della polizia, un barista non può esserne responsabile e rischiare a sua volta una sanzione. Perciò bisogna intervenire sul quadro sanzionatorio: si modifichi la norma o almeno si diffonda una circolare ministeriale”

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina  Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.