Bruno Giordano, magistrato, è stato nominato recentemente su proposta del Ministro del Lavoro direttore capo dell’Ispettorato nazionale del lavoro (Inl). Il nuovo capo dell’Inl – in un’intervista realizzata in collaborazione con il manifesto – ha parlato del dramma delle morti e degli incidenti sul luogo di lavoro, proponendo soluzioni concrete per risolvere il problema che affligge la nostra penisola (si contano in media tre morti al giorno) e assicurare ai lavoratori le dovute tutele.

Nel corso dell’intervista pubblicata da il manifesto in edicola oggi, Giordano ha espresso le proprie perplessità circa il ricorso alla patente a punti per incentivare le imprese a garantire la sicurezza sul lavoro, già prevista dal Testo unico sulla Sicurezza nel 2008 ma mai attuata:

La patente a punti è un‘idea buona ma in 13 anni non è stata realizzata non solo per ragioni politiche ma anche per ragioni tecniche. I ministri che si sono succeduti sono stati di tutti gli orientamenti politici. L’idea è giusta ma la norma prevede tutto un iter normativo che presupporrebbe accordi di verifiche e pareri e anche di veti incrociati“. Insomma un labirinto di norme e obblighi che non aiuterebbe lo sviluppo economico delle imprese e dell’occupazione.

Giordano è invece di diverso avviso. Ecco lo stralcio dell’intervista in cui lancia la sua visione a proposito del ruolo dell’Ispettorato su queste delicate tematiche:

E allora che fare?
“Ritengo che sia più utile e più efficiente che gli organi di vigilanza abbiano rafforzato il potere di sospensione dell’attività di impresa quando rilevano reati di un certo tipo o una quota di lavoratori a nero”.
Ora è del 20%”
“Abbassando questa percentuale e aumentando l’efficienza del potere di sospensione gli ispettorati
arrivano in un luogo dove trovano delle violazioni e sospendono le attività per metterle a norma. Allora lì si fa un favore sia allimpresa che ai lavoratori e si evitano incidenti e morti”.

Stando a quanto dichiarato dal nuovo capo dell’Inl – dunque -, sebbene la patente a punti sia una buona idea sulla carta, nei fatti risulta poco applicabile, per cui la strategia migliore per assicurare la sicurezza ai lavoratori è quella di aumentare le possibilità per gli ispettori di fermare temporaneamente le imprese che non rispettano le norme.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina  Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.