Non raccoglie la sfida dei sindacati, che puntano ad avere una legge sull’obbligo vaccinale, Carlo Bonomi Presidente di Confindustria. E così parlando dal palco del meeting di Comunione e Liberazione che si tiene in questi giorni a Rimini scandisce la sua proposta per la diffusione dei vaccini in azienda:

sono pronto anche adesso, come lo ero ieri, ad accordarmi con i sindacati per un protocollo sui vaccini in azienda”.

Parole che dicono “no” alla legge sul vaccino e sottolinea che su questo tema “è troppo facile rimandare la lattina alla politica. C’è una differenza di posizione tra i partiti che difficilmente potrà farci arrivare a una legge. Ma possiamo sederci a un tavolo oggi stesso. Come corpi intermedi abbiamo una grande responsabilità: anche in Confindustria forse non tutti sono d’accordo ma io preferisco un associato in meno e fare quello che davvero serve al Paese“.

Insomma Bonomi ha ‘annusato’ che il Governo difficilmente arriverà ad un accordo politico tra le forze partitiche che lo sostengono, ecco perchè ritiene che sia difficile attendersi l’approvazione di una legge sull’obbligo vaccinale in azienda. Che va invece risolto ‘responsabilmente’ tra le parti sociali.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.