“È stato un incontro positivo quello che abbiamo avuto stamani con il Premier Draghi ed il Governo. Positivo per i contenuti, importante perché arriva alla vigilia della grande manifestazione di sabato, in un clima di responsabilità comune che è la risposta migliore alla violenza, ai fascismi, agli estremismi degli ultimi giorni”. Lo ha detto il Segretario Generale della Cisl, Luigi Sbarra, al termine dell’incontro con il Governo.

“Bisogna fermare la strage che ogni giorno insanguina i luoghi di lavoro e ferisce tutto il paese. Il Governo ci ha comunicato che nel decreto fiscale di domani entreranno le prime misure importanti sul tema della tutela della salute e di una maggiore sicurezza nei luoghi di lavoro, come avevamo sollecitato negli incontri precedenti. Ci sarà un forte potenziamento del ruolo e della funzione dell’ ispettorato nazionale del lavoro, saranno accelerate le procedure di reclutamento e di assunzione di ispettori e di personale tecnico ed amministrativo per rafforzare verifiche, controlli, ispezioni nei luoghi di lavoro. Sarà realizzata una banca dati informatica unica che metterà in sinergia Ispettorato nazionale del lavoro, Inail, Regioni, Asl. Ed inoltre è prevista questa iniziativa importante di un intervento normativo che prevede la sospensione dell’ attività economica e lavorativa in presenza di lavoratori irregolari o di violazione alle norme sul tema della salute e sicurezza.

Si riattiva la commissione consultiva al Ministero del lavoro per monitorare la situazione in vista di ulteriori interventi necessari sul tema della sicurezza. Nel decreto fiscale entrerà anche la proroga delle settimane di cig fino a fine anno per i comparti del terziario, dei servizi, del commercio tessile, del sistema moda, per scongiurare altri licenziamenti. Si rifinanziano altre indennità per la malattia e le persone in quarantena.

La prossima settimana partirà il confronto con il Governo per discutere dei contenuti del protocollo di partenariato per l’attuazione del PNRR, una misura che abbiamo chiesto da molti mesi. Ed abbiamo chiesto al Governo sul tema del green pass di valutare la necessità e l’opportunità di ridurre ulteriormente i costi dei tamponi e di sostenere impresa e lavoro in questa fase di emergenza nazionale sul piano della tutela della salute e della sicurezza.

Il presidente Draghi ci ha assicurato che nelle prossime ore il Governo deciderà anche sulle eventuali iniziative in questo senso. È Il viatico di una fase di confronto serrato e di dialogo che deve condurci nelle prossime settimane ad un grande patto sociale per la crescita, il lavoro, le riforme economiche, gli investimenti, la lotta alle diseguaglianze”.

Continua a leggere qui

Fonte: cisl.it