Il reddito di cittadinanza è una misura di contrasto alla povertà e alle diseguaglianze, che mira all’inclusione sociale attraverso l’erogazione di un importo mensile alle famiglie in maggiori difficoltà economiche.

Tuttavia, è necessario essere in possesso di requisiti ben determinati e specifici per poter richiedere questo aiuto. Vediamo nel dettaglio tutto ciò che c’è da sapere.

Reddito di cittadinanza: requisiti

Possono richiedere il reddito di cittadinanza tutti i cittadini che rispettano i seguenti requisiti:

  • possesso della cittadinanza italiana, oppure sono cittadini di uno Stato membro dell’Unione Europea. Possono richiederlo anche gli stranieri in possesso di regolare permesso di soggiorno;
  • residenza in Italia per almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2 anni in maniera continuativa;
  • ISEE inferiore a 9.360 euro;
  • patrimonio immobiliare (nel quale non è compresa la casa d’abitazione) inferiore a 30.000 euro. Sono considerati anche i patrimoni detenuti all’estero;
  • patrimonio mobiliare inferiore a 6.000 euro;
  • reddito familiare non superiore a 6.000 euro.

Reddito di cittadinanza: importi

Gli importi che vengono erogati ai beneficiari del reddito di cittadinanza non sono uguali per tutti, variano infatti in base alla situazione economica rilevata tramite l’ISEE della famiglia.

L’importo effettivamente erogato dipende anche dagli altri trattamenti assistenziali e dai redditi eventualmente percepiti dalla famiglia. Il nucleo familiare ha quindi diritto al beneficio massimo solo nel caso in cui non percepisca trattamenti assistenziali e altri redditi rilevati nell’ISEE.

La scala di equivalenza è pari ad 1 per il primo componente del nucleo familiare ed è incrementata di 0,4 per ogni ulteriore componente di età maggiore di anni 18 e di 0,2 per ogni ulteriore componente minorenne, fino ad un massimo di 2,1, elevato a 2,2 in presenza di componenti in condizione di disabilità grave o non autosufficienza.

Reddito di cittadinanza: durata e decorrenza

Il sussidio decorre dal mese successivo alla richiesta e viene erogato per un periodo continuativo massimo di 18 mesi. Potrà essere rinnovato, previa sospensione di un mese e se permangono i requisiti. La sospensione non è prevista nel caso della Pensione di cittadinanza.

Reddito di cittadinanza: dopo 36 mesi

La legge sul RDC non pone alcun limite al numero di rinnovi che è possibile presentare affermando soltanto che tra un rinnovo e l’altro bisognerà attendere un mese senza percepire il sussidio. Dunque dopo i primi 18 e poi 36 mesi è possibile presentare un’altra domanda.

Reddito di cittadinanza: cumulabilità con altri sussidi

Il reddito di cittadinanza è cumulabile con:

  • NASpI e DIS-Coll;
  • assegno unico universale per figli a carico;
  • agevolazioni relative alle tariffe elettriche riconosciute alle famiglie economicamente svantaggiate.

Reddito di cittadinanza: compatibilità con lavoro dipendente

Il nucleo familiare può percepire il Reddito o la Pensione di cittadinanza anche qualora tutti i suoi componenti siano lavoratori.

Se l’attività lavorativa è in corso al momento di presentazione della domanda, occorre compilare il modello Rdc/Pdc–Com, entro 30 giorni dalla presentazione della domanda, all’Inps.

Se, invece, l’attività lavorativa subordinata inizia dopo la presentazione della domanda di Rdc, e cioè nel corso di godimento del beneficio, le variazioni devono essere comunicate all’Inps che valuterà le condizioni per la permanenza del beneficio.

Reddito di cittadinanza: domanda

Si può richiedere il reddito di cittadinanza, se in possesso di tutti i requisiti sopra elencati, nei seguenti modi:

  • in via telematica collegandosi al sito web www.redditodicittadinanza.gov.it, previa autenticazione tramite SPID;
  • online tramite il portale web dell’Inps, previa autenticazione tramite SPID, Carta di identità elettronica (CIE) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS);
  • tramite le Poste Italiane;
  • tramite un CAF o patronato.

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].