ROMA – Le ultime notizie che arrivano sul decreto Sostegni ter che sarà varato in settimana dal Consiglio dei Ministri (per la data annunciata clicca qui) parlano di una dota finanziaria salita a 6 miliardi, dai 2 di partenza.

Ne parla il quotidiano Il Messaggero in edicola oggi che conferma:

niente scostamento di bilancio. Ma tra caro-bollette e nuove misure di ristoro, il decreto che il governo si prapara a varare giovedì prossimo sarà comunque ‘consistente’. Palazzo Chigi e Tesoro sono al lavoro su un provvedimento che dovrebbe movimentare tra i cinque e i sei miliardi di euro, con la soglia superiore che sembra al momento quella più probabile”.

Dunque lo scostamento di Bilancio che creerà un extra-deficit per introdurre un vasto pacchetto di aiuti Covid (proroga Rem, Bonus, fondo perduto?) è destinato al rinvio a febbraio, ma arrivano comunque conferme.

Nel mini-decreto di gennaio invece dovrebbero trovare spazio solo alcuni ristori per il turismo:

“Due miliardi circa, dovrebbero andare ai ristori alle imprese che ancora stanno soffrendo chiusure e riduzione di attività a causa della pandemia e dei provvedimenti restrittivi adottati dal governo. La parte restante, tra i 3,5 e ai 4 miliardi, a nuove misure per calmierare il prezzo delle bollette per famiglie e imprese”.

Ristori che, come spiega anche il quotidiano romano, “tuttavia saranno selettivi e probabilmente passeranno per il rifinanziamento di fondi già esistenti. I sostegni mirati andranno soprattutto al settore del turismo e degli evento, allo spettacolo, alle discoteche e allo sport. Si lavora anche a una ‘prosecuzione’ della Cassa integrazione (ma non è ancora certo che sarà quella Covid gratuita)”.

Quanto alla proroga della Cig (con causale Covid?) nei giorni scorsi erano state avanzate 3 ipotesi di intervento per evitare il dilagare di licenziamenti. A pochi giorni dal lancio del Decreto sembra tuttavia che si è ancora lontani da un soluzione certa.

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].