Procedono al rallentatore i pagamenti dell’Assegno temporanero figli della mensilità di dicembre 2021. Incluse le mensilità arretrate.

Attesi per venerdì 14 e poi per il 17 gennaio 2022 gli accrediti si sono visti solo per un numero limitato di famiglie. La beffa più evidente riguarda i beneficiari del Reddito di cittadinanza che lo ricevono in automatico, come ulteriore ricarica sulla carta.

Per larga parte dei percettori nulla si è visto a cavallo di questo weekend e così i pagamenti guardano alla settimana inoltrata, fino praticamente ad ‘allinearsi’ alle date destinate ai beneficiari dell’”Assegno” su domanda (no Rdc) che riceveranno gli accrediti dal 19 gennaio 2022:

Vanno poi distinte tre categorie di famiglie in questi giorni: quelle che hanno la lavorazione in corso ma non l’accredito (il saldo è zero); quelle che hanno ricevuto l’accredito; e quelle che non hanno ancora ricevuto alcun segnale dall’Inps. Il consiglio è certamente quello di attendere qualche giorno, ma non più di tanto, e in assenza di lavorazioni fare un sollecito attraverso il contact center Inps al 803 164.

Sulla base di quanto appreso da TuttoLavoro24.it per il tramite dei suoi lettori risultano accrediti andati a buon fine in queste province: Bari, Ragusa, Siracusa, Reggio Calabria, Bologna, Palermo, Milano, Napoli, Lecce, Cagliari, Roma, Salerno, Foggia, Caserta, Arezzo, Frosinone, Brindisi. Va anche detto però che nelle stesse province ci sono beneficiari che attendono ancora, per cui è evidente che la situazione dei flussi non è omogenea per ogni provincia. Dipende pur sempre da ogni singolo caso. Le indicazioni qui fornite non escludono ovviamente che anche in altre province si sono verificati flussi di pagamento.

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].