Apprendista muore sul lavoro: familiari rifiutano 1,2 milioni di risarcimento

Sicurezza lavoro

A quasi un anno di distanza dalla tragica morte di Luana D’Orazio, la giovane apprendista morta lavorando ad un orditoio, che ha lasciato un bambino di poco più di 5 anni, arrivano le prime notizie di una possibile soluzione risarcitoria della vicenda a pochi giorni dall’apertura del processo. Soluzione non accettata, però, dai familiari della giovane.

Lo si apprende dalla versione on-line de Il Fatto quotidiano:

La famiglia di Luana D’Orazio, l’operaia di 22 anni morta il 3 maggio 2021 mentre stava lavorando a un orditoio a Montemurlo, ha rifiutato l’offerta di risarcimento da 1,2 milioni di euro presentata dalla compagnia assicurativa Unipol per conto dell’azienda dove era impiegata la giovane. A farlo sapere è Andrea Rubini, l’amministratore delegato di Gesi Group, la società di consulenza dei familiari di Luana, che ha risposto all’offerta giudicandola “incongrua”. “Abbiamo scritto all’assicurazione una risposta formale, spiegando loro – chiarisce lo stesso Rubini – che i danni patrimoniali e non, sono ancora da quantificare. Non riteniamo stabilizzata la situazione, ci riserveremo di approfondire la questione nelle prossime settimane”.

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].