Settimana densa di appuntamenti quella che sta per giungere al termine. In particolare, per tutti i nuclei familiari percettori dell’Assegno Unico, erogato da Inps in 4 appuntamenti: dal 14 al 17 giugno, infatti, tutti i giorni sono stati interessati dal pagamento della prestazione. Anche per la settimana che sta per cominciare Inps intende replicare la stessa situazione.

Per adesso si contano infatti 4 appuntamenti, fissati per il 20, il 21 e il 23 giugno. Per adesso faceva eccezione mercoledì 22 giugno, che tuttavia si è aggiunto all’appello proprio nelle scorse ore. Pagamenti che proseguiranno anche durante l’ultima settimana del mese. Sul Fascicolo Previdenziale di un nostro lettore, infatti, è apparsa una nuova data utile proprio per quella settimana:

Lunedì 27 giugno Inps pagherà la mensilità di giugno, ma non solo: la foto dimostra come lo stesso giorno l’Istituto provvederà anche a liquidare l’arretrato di maggio. Inps non è nuovo a questo tipo di soluzione: pagamento ordinario e arretrati vengono sempre splittati, visto la loro non cumulabilità. Arretrati che, solitamente, vengono pagati seguendo questa tempistica.

Tuttavia, tutti questi appuntamenti segnalati riguardano una sola categoria di percettori: ossia, tutti coloro che hanno presentato domanda per l’Assegno Unico e che pertanto riceveranno l’importo sull’IBAN. Chi lo riceverà in automatico (quindi i percettori del Reddito di Cittadinanza) dovrà attendere, molto probabilmente, almeno fino a luglio per questo motivo.

Per tutte le altre informazioni sull’Assegno Unico vi invitiamo a consultare gratuitamente la GUIDA dedicata di TuttoLavoro24.it.

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].