HomeEvidenzaRisarcimento eredi vittime dell'amianto: pronti 20 milioni, ecco come fare domanda

Risarcimento eredi vittime dell’amianto: pronti 20 milioni, ecco come fare domanda

Arriveranno 20 milioni di euro per risarcire i familiari delle vittime ammalatosi a seguito di un’esposizione prolungata all’amianto nell’esecuzione di operazioni portuali.

Lo rende noto con un comunicato stampa dello scorso 21 settembre il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Andrea Orlando, che ha da poco firmato un decreto ministeriale che stabilisce le procedure e le modalità di erogazione.

Risarcimento vittime amianto: a chi spetta

Possono accedere alla prestazione gli eredi delle vittime che risultino destinatari del risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale, sulla base di quanto liquidato con sentenza esecutiva o con verbale di conciliazione giudiziale.

Potranno altresì presentare domanda le Autorità di sistema portuale soccombenti in sentenze esecutive o comunque parti debitrici in verbali di conciliazione giudiziale.

Risarcimento vittime amianto: quando presentare domanda

Le domande potranno essere presentate all’INAIL entro e non oltre 60 giorni dalla data di pubblicazione del decreto.

L’INAIL sarà responsabile della procedura di valutazione della domanda e procederà all’erogazione della prestazione del Fondo a favore degli eredi o delle Autorità di sistema portuale grazie al trasferimento delle relative risorse finanziarie da parte del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali. 

Si ricorda che il limite di spesa è pari a 10 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].
spot_img
spot_img
spot_img