Elezioni: 3 giorni retribuiti per chi va ai Seggi

Elezioni

Elezioni, i dipendenti che partecipano alle operazioni di voto durante il weekend elettorale, hanno diritto a riposi compensativi retribuiti. Oltre che al compenso fino a 200 euro per le attività di scrutatore, presidente o segretario. Particolare è anche la disciplina per il Rappresentante di Lista.

In questa sede parleremo di dipendenti pubblici, con particolare riguardo a Scuola e Funzioni Centrali.

Elezioni, i riposi compensativi sono previsti dalla legge

I riposi per lo svolgimento di funzioni presso uffici e seggi elettorali in occasione delle elezioni europee, regionali, provinciali e comunali o di referendum sono regolate dalla seguente normativa:

I riposi compensativi spettano anche ai rappresentanti di lista

I dipendenti pubblici che svolgono le funzioni di presidente, segretario, scrutatore, rappresentante di lista hanno diritto ad assentarsi dal lavoro per tutta la durata delle operazioni elettorali o referendarie.

Nel caso in cui dette operazioni di voto si protraggano oltre la mezzanotte, i lavoratori hanno diritto di assentarsi dal servizio per l’intera giornata successiva e sono considerati giorni di attività lavorativa a tutti gli effetti.

I dipendenti hanno diritto, inoltre, al riposo compensativo per il servizio svolto nei giorni festivi o non lavorativi compresi nel periodo di svolgimento delle operazioni elettorali.

I giorni festivi sono la domenica per chi ha l’orario di lavoro articolato su 6 giorni, oppure il sabato e la domenica per chi ha settimana lavorativa articolata su cinque giorni.

Elezioni: occorre avvisare la propria segreteria

I dipendenti che sono coinvolti nelle operazioni di voto presso i seggi, devono presentare domanda alla propria segreteria.

La domanda va presentata attraverso moduli, oppure attraverso le piattaforme on line messe a disposizione.

Alla fine delle operazioni al seggio, il Presidente della sezione elettorale attesta i giorni di presenza al seggio del dipendente da consegnare al proprio datore di lavoro.

Tale documento è necessario per usufruire dei riposi compensativi dei giorni festivi o non lavorativi compresi nel periodo di svolgimento delle operazioni elettorali.