Il lockdown ha comportato non poche difficoltà ai tirocinanti extracurriculari, spesso giovani alla prima esperienza nel mondo del lavoro. Tali percorsi non sono regolati da un contratto di lavoro, ma da convenzioni tra l’ente promotore e l’ente ospitante, con l’obiettivo primario di attuare un periodo di formazione e orientamento in ambito lavorativo. Le Regioni e le Province Autonome hanno imposto, in linea generale, la sospensione dei tirocini, senza tuttavia escludere la possibilità della loro interruzione anticipata. Ma c’è un’altra strada percorribile: quella dello svolgimento a distanza.

Continua a leggere qui

Fonte: ipsoa.it