Con la sentenza 27582/2020, la Cassazione penale afferma che, al fine dell’integrazione del reato di caporalato, è necessaria la soggezione del lavoratore al proprio datore.

Continua a leggere qui

Fonte: lavorosi.it