In considerazione di alcune criticità rappresentate da ordini professionali e associazioni di categoria di imprese e autonomi, l’Agenzia delle Entrate ha emanato la circolare n. 5 del 14 maggio 2021 con cui fornisce ulteriori chiarimenti per la fruizione dei contributi a fondo perduto previsti dal Decreto Sostegni e da altri provvedimenti.

Il primo importante chiarimento – che poteva apparire scontato ma evidentemente scontato non era – riguarda i contributi a fondo perduto erogati nel corso del 2020, come per esempio quelli previsti dai Decreti “Rilancio”, “Agosto”, “Ristori”, “Natale”: questi contributi ricevuti da imprese e partite Iva – chiarisce l’AdE – non concorrono alla determinazione della soglia dei ricavi prevista dal Decreto Sostegni per l’accesso ai nuovi contributi.

Lo stesso vale anche per coloro che operano in regime forfettario e nella contabilità semplificata, spiega l’Amministrazione tributaria.

Devono ritenersi escluse dai parametri di calcolo anche altri bonus e agevolazioni introdotte nei mesi della pandemia come:

  • il bonus affitto;
  • crediti d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro, la sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione;
  • l’indennità di maternità.

Inoltre l’Agenzia spiega che i contributi a fondo perduto ricevuti nel corso del 2020 non devono essere considerati ai fini del calcolo della riduzione del fatturato medio, né devono essere inclusi tra i ricavi previsti dalle soglie dimensionali per la determinazione delle percentuali.

Per leggere integralmente la circolare dell’Agenzia delle Entrate clicca qui.

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.