E’ in arrivo il programma Gol – la “Garanzia di occupabilità dei lavoratori” -, maxi piano del governo messo a punto dal ministro del Lavoro Andrea Orlando, al quale saranno destinati 4,9 miliardi di euro ricavati dal Pnrr e React-Ue. L’obiettivo di questo progetto è quello di rilanciare le politiche attive del lavoro e di formazione: il governo vuole raggiungere almeno 3 milioni di beneficiari entro il 2025. Il Gol diventerà effettivo con un decreto interministeriale condiviso con le Regioni e dovrebbe partire da settembre.

Ad annunciare questi e altri dettagli del programma è Il Sole 24 Ore che si sofferma innanzitutto sui 3 milioni di beneficiari:

“Di questi almeno il 75% devono essere donne, disoccupati di lunga durata, persone con disabilità, giovani under30, lavoratori over55. Almeno 800mila dovranno essere coinvolti in attività di formazione, di cui 300mila per il rafforzamento delle competenze digitali”.

Stando a quanto scritto dal quotidiano economico e finanziario, potranno diventarne beneficiari i lavoratori in cassa integrazione ma

“Ma saranno ammessi a Gol anche i beneficiari di Naspi e Dis-coll, del reddito di cittadinanza, i lavoratori fragili o vulnerabili (ad esempio Neet, disabili, donne in condizioni di svantaggio, over55), i disoccupati senza sostegno al reddito, i cosiddetti working poor (che versano in condizioni di precarietà)”.

Per i beneficiari saranno previsti quattro possibili percorsi di sostegno alla ricollocazione in base al tipo di status occupazionale, e un quinto percorso nei casi di crisi aziendale.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.