Il Bonus 200 euro anti-inflazione, l’idea del Governo Draghi per sostenere il reddito delle famiglie, spetta anche ai pensionati e titolari di assegni Inps, o di altre Casse previdenziali. Lo prevede il Decreto che sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale in questa data.

Bonus 200 euro Draghi, per quali pensioni?

Il Bonus spetta ai titolari di pensione ordinaria, reversibilità, ma anche ai titolari di:

  • assegno sociale;
  • trattamento per invalidi civili, ciechi e sordomuti;
  • aNticipo pensionistico.

Bonus 200 euro pensionati, quale reddito?

Il reddito per avere l’Indennità Una tantum di 200 euro non deve essere superiore ai 35.000 annui nel 2022. Nel computo della soglia vanno inclusi redditi di varia natura.

Sono da escludersi: la casa di abitazione, il trattamento di fine rapporto (tfr), l’assegno unico, gli assegni familiari (per chi spettano), gli assegni di guerra, indennità accompagnamento, indennità ciechi parziali e sordi prelinguali, pensioni inabilità.

Bonus 200 euro pensionati quando arriva?

L’erogazione sarà automatica, non servirà quindi far domanda, da parte dell’ente previdenziale di riferimento.

L’accredito avverrà con la busta paga di luglio. Quindi nei primi giorni di luglio i pensionati si ritroveranno l’accredito direttamente sul cedolino pensionistico. Si tratta di un cedolino molto sostanzioso quello di luglio perchè ci sarà anche la 14a mensilità che – si ricorda- spetta a chi ha un reddito personale inferiore a 13.659,88 euro.

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].