Disoccupazione Agricola 2022, quando arriva il pagamento? A molti lavoratori agricola la domanda è stata accolta già dagli ultimi giorni di maggio, come anticipato da TuttoLavoro24.it con disposizioni di pagamento per la prima settimana di giugno (6/7/8 giugno).

Ora pero proseguono, non senza rallentamenti, le attività delle varie sedi Inps che a quanto pare prenderanno in mano la parte più importante delle domande nella seconda metà del mese, cioè dal 15 giugno in poi. Da qui in avanti i responsi e le date di accredito dovrebbero salire così da soddisfare la gran parte dei lavoratori che attendono gli accrediti per la giornate agricole non lavorate nel 2021.

Disoccupazione Agricola 2022: quanto tempo ci vuole per la risposta?

La domanda all’ente previdenziale viene inoltrata dai lavoratori fino al 31 marzo di ogni anno. A partire da questa data Inps ha 115 giorni per dare gli esiti. Si tratta però della tempistica massima. Abbiamo infatti visto che già sono iniziate la settimana scorsa le disposizioni di pagamento.

Vale la pena, poi, ricordare ai nostri lettori che il tempo che intercorre tra quando Inps dichiara “Accolta” la domanda fino alla liquidazione, cioè la data di accredito è in genere di 7-8 giorni lavorativi.

Disoccupazione Agricola 2022: dove sta pagando INPS?

Proviamo a fare qui una panoramica della situazione dei pagamenti e dei ritardi. Senza però la pretesa di poter essere esaustivi, conoscere infatti la situazione di ogni singolo territorio, o addirittura di ogni singola pratica Inps, è cosa impossibile.

Tuttavia, sulla base delle segnalazioni dei nostri lettori possiamo dire che per quanto riguarda i pagamenti, le date certe di prossima liquidazione sono le seguenti:

  • Lombardia: Monza 8/6;
  • Bolzano: 15/6;
    Emilia Romagna: Ferrara 21/6; Cesena 14/6;
    Toscana: Siena 14/6;
    Abruzzo: Chieti 7/6;
  • Umbria: Perugia 14/6;
  • Campania: Salerno 7/6 e 14/6; Napoli 19/6;
  • Puglia: per questa Regione (Taranto inclusa) la situazione è descritta qui, mentre a Bari e Lecce già da giorni ci sono le prime domande accolte;
  • Basilicata: Potenza 7/6;
  • Calabria: Cosenza 20/6; Reggio Calabria 15/6;
  • Sicilia: Siracusa 21/6; Trapani 13/6;
  • Sardegna: Cagliari 14/6;

Nuovi pagamenti in arrivo in molti territori dunque. Mentre le regioni e le province dove al momento non risultano lavorazioni o comunque ne risultano una parte davvero minoritaria sono quelle elencate di seguito.

In queste sedi “ritardatarie” iniziano a vedersi le prime domande accolte e le prime date di pagamento:

  • Emilia Romagna: Forlì;
  • Marche: Macerata;
  • Campania: Napoli; Salerno; Caserta;
  • Puglia: Lecce, Brindisi, Taranto la situazione è descritta qui;
  • Basilicata: Matera;
  • Calabria: Crotone;
  • Sicilia: Ragusa; Agrigento; mentre per quanto riguarda la provincia di Catania la situazione è quella descritta qui;
  • Sardegna: Sassari.

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News

Resta connesso con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].