Sarebbero circa 180mila lavoratori agricoli esclusi dal Bonus 200 euro previsto dal Decreto Aiuti. A lanciare la notizia è il sindacato FLAI-CGIL che annuncia una manifestazione nazionale per il 18 giugno.

Tra i temi al centro dell’iniziativa “l’esclusione dal provvedimento di numerosi operai stagionali che non hanno maturato i requisiti per la disoccupazione, si parla di circa 180mila lavoratori poveri che hanno difficoltà ad arrivare a fine mese”.

Dunque i 200 euro saranno erogati solo ai lavoratori che hanno maturato i requisiti della Disoccupazione Agricola 2022 (per approfondire clicca qui).

L’indennità ‘una tantum’ di 200 euro prevista dal cosiddetto ‘Decreto aiuti’ – dichiara Tina Balì Segreteria Nazionale Flai-Cgil – è insufficiente e inadeguata rispetto alla fase di grande difficoltà che il nostro paese sta vivendo”.

“È un’ingiustizia che deve essere sanata – continua Balì – Così sono stati presentati dalla Cgil su spinta della Flai due emendamenti, per estendere l’indennità a tutti gli stagionali: precari, anche con pochissime giornate di contributi versate, purché iscritti negli elenchi anagrafici”.

Faremo di tutto – conclude la nota – perché nell’iter della conversione in legge del decreto gli emendamenti siano sostenuti e accolti. Anche una sola giornata di lavoro deve bastare per avere accesso al bonus di 200 euro. Anche per questo manifestiamo, pandemia, guerra, rincari dovuti anche a speculazioni hanno messo in discussine tutto”. 

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News.

Resta connesso con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].