Non c’è alternativa, per le famiglie che percepiscono il reddito di cittadinanza e nel mese di sospensione (dopo 18 oppure 36 mesi) fanno domanda per ricevere l’Assegno unico per i figli a carico: la domanda va fatta entro l’ultimo mese in cui si beneficia del RdC.

A farlo sapere in questi giorni, a migliaia di famiglie è proprio INPS. L’Istituto infatti ha respinto ancora una volta le domande di Assegno unico per coprire il mese giugno 2022, mese in cui i percettori RdC non ricevono il beneficio destinato ai genitori. Il motivo? Perchè la domanda è arrivata troppo in ritardo.

Per avere la copertura dell’Auu a giugno infatti, occorreva fare domanda entro il mese di maggio: scadenza 31 maggio.

Ecco quanto fa sapere Inps ad un cittadino che ha fatto domanda il 1° giugno 2022, con appena un giorno di ritardo. Inps ”non perdona” e respinge:

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News.

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].