Dopo il Decreto Aiuti di maggio scorso che aveva previsto il Bonus 200 euro per gli italiani, sta per arrivare un nuovo “Decreto Elemosina”, come ribattezzato da TuttoLavoro24.it per via del ridotto stanziamento utile a risolvere solo in piccolissima parte i problemi del caro vita a cui stanno andando incontro lavoratori, famiglie, pensionati. Un nuovo Decreto Aiuti ”bis” che dovrebbe essere varato entro questa settimana.

Decreto che, stando alle voci e notizie che circolano in queste ore di aiuti dovrebbe contenerne davvero pochi.

La conferma arriva dal Segretario generale della Cgil Maurizio Landini, che parlando davanti ai taccuini dei colleghi di Ansa.it, avrebbe così commentato la proposta avanzata dal Governo durante la riunione tenutasi al Ministero dell’Economia questa mattina:

“Sul piano quantitativo [la proposta, ndr] è del tutto insufficiente. Un miliardo ai lavoratori e 1,5 miliardi ai pensionati su 14,3 miliardi di manovra. Stiamo parlando di cifre assolutamente insufficienti ad affrontare il problema”.

“Non ci siamo – ha aggiunto Landini mandando un messaggio al Governo – . Visto che il cdm non si è ancora riunito, chiediamo che affrontino in modo diverso questa situazione”.

Nelle scorse ore si era parlato di un intervento del Governo che avrebbe fatto aumentare gli stipendi ai lavoratori con questi requisiti e gli assegni ai pensionati. Al momento si tratta di ipotesi che dovranno trovare conferma nel provvedimento che sarà adottato a giorni.

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News

Resta connesso con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].