HomeEvidenzaCome si vota il 25 settembre? Orari, regole e documenti

Come si vota il 25 settembre? Orari, regole e documenti

Come si vota alle Elezioni politiche del 25 settembre 2022? Vediamo quali sono le regole per esprimere il proprio voto correttamente sia per la Camera dei deputati che per il Senato della Repubblica.

Elezioni 25 settembre 2022: orari apertura seggi

Si vota nella sola giornata del 25 settembre 2022. I seggi saranno aperti dalle 7 alle 23. A seguire ci svolgeranno le operazioni di scrutinio delle schede elettorali.

E’ importante da sapere che non si vota nella giornata del 26 settembre che sarà dedicata alle operazioni di chiusura degli scrutini e agli adempimenti finali.

Elezioni 2022: quali documenti portare?

Si va a votare muniti di documento d’identità e di tessera elettorale. L’identificazione dinanzi al Presidente di seggio può avvenire mediante presentazione della carta d’identità o di un altro documento di identificazione rilasciato da una pubblica amministrazione purché munito di fotografia.

Il Ministero dell’interno ha chiarito che anche un documento scaduto è utile per votare purchè non sia deteriorato e consenta l’identificazione dell’elettore.

Elezioni 25 settembre 2022: come sono le schede?

Una volta che ci si è recati al seggio ed esibito un documento di identità, vale anche quello scaduto, all’elettore saranno consegnate due schede: una rosa per la Camera, una gialla per il Senato.

Le 2 schede elettorali sono identiche, cambia solo il colore:

  • Per il collegio uninominale riportano il nome del candidato;
  • Per il collegio plurinominale riportano il contrassegno (simbolo) di ciascuna lista o i contrassegni delle liste in coalizione a esso collegate. Accanto al contrassegno si ogni singola lista sono stampati i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale, le liste sono “bloccate” cioè già fatte dai partiti, quindi non è possibile esprimere la preferenza.
Fonte: Ministero dell’Interno

Come si vota il 25 settembre 2022?

Come si vota? Su ogni singola scheda il voto si esprime tracciando un segno (in genere una X) nello spazio contenente il contrassegno della lista prescelta.

Attraverso il contrassegno tracciato sulla lista l’elettore esprime il voto sia per lista che per il candidato del collegio uninominale a essa collegato.

Su ogni singola scheda non è previsto il voto disgiunto. Cioè non posso optare per una lista e poi tracciare un segno sul nominativo di un candidato appartenente ad altra lista.

Voto sbagliato: posso rivotare su una nuova scheda?

In caso di errore nelle operazioni di voto l’elettore può chiedere al presidente del seggio di sostituire la scheda con una nuova. In questo modo è possibile esprimere nuovamente il proprio voto.

Con la consegna della nuova scheda, il Presidente dovrà inserire la “vecchia” tra quelle deteriorate.

Elezioni 2022: è corretto fare un segno sui nomi?

E’ corretto se traccio un segno sul nome del candidato uninominale? , con una X sul nominativo di un candidato il voto è automaticamente espresso anche per la lista a esso collegata e, nel caso in cui le liste collegate siano più di una, il voto verrà ripartito tra le liste della coalizione in proporzione ai voti ottenuti in quel determinato collegio.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].
spot_img
spot_img
spot_img
- Advertisment -