Dopo la richiesta delle Parti Sociali dell’artigianato di aprire un confronto con il Governo per definire in tempi rapidi i pagamenti della cassa integrazione, non si è fatta attendere la Ministra del Lavoro Nunzia Catalfo che nel giro di un paio di giorni ha dato rapidamente la propria disponibilità ad un incontro.

Ne è venuto fuori, spiega la sigla sindacale UIL Artigianato con un post su Facebook, che il Ministero a seguito di un accordo raggiunto con la Ragioneria generale dello Stato avrebbe definitivamente sbloccato le risorse da destinare al Fondo e quindi “verranno messe nelle disponibilità del Fondo tutte le risorse finanziarie stanziate con il Decreto Cura Italia e con il Decreto Rilancio, non già erogate. Si tratta di 516.345.388,85 €“.

“Sarà così possibile pagare le prestazioni ancora in sospeso per marzo e per tutto il mese di aprile – segnala Valter Recchia, Direttore FSBA Gli uffici centrali e tutte le articolazioni regionali che provvedono direttamente sono pronte ad utilizzare queste somme integralmente entro pochissimi giorni dalla ricezione per pagare l’ammortizzatore alle lavoratrici e lavoratori oppure alle aziende”. Nei casi in cui il FSBA verserà alle aziende, saranno quest’ultime a “girare” l’importo al lavoratore, dipende dalle regole regionali.

Dunque, con questa “intesa” Ministero del Lavoro – Ragioneria generale dello Stato sono state sbloccate le risorse rispetto alla procedura standard.

Ora si attende solo il bonifico al Fondo Artigiani. E’ questione di giorni evidentemente, nei giorni scorsi il Direttore del FSBA parlava dei primi giorni di agosto. A seguire sarà il Fondo a pagare l’assegno ordinario della mensilità di aprile, non ancora liquidata a tutti i lavoratori (manca circa il 75% degli aventi diritto, leggi qui), e parte dell’arretrato di marzo.