“Pregiatissimo Ministro del Lavoro”, inizia così la lettera aperta indirizzata alla Ministra del Lavoro Nunzia Catalfo dalle parti sociali dell’artigianato del Veneto (Confartigianato Imprese Veneto, CNA Veneto, Casartigiani Veneto, Cgil Veneto, CISL Unione Sindacale Regionale Veneto, UIL Veneto) che compare oggi su gran parte dei principali quotidiani.

Una lettera, dai toni moderati ma diretti, in cui le parti sociali esprimono il disagio dei lavoratori dell’artigianato e i loro familiari per i ritardi nei pagamenti della Cig, nonchè le loro difficoltà poichè l’ente bilaterale del Veneto – Ebav (costituite dalle stesse parti sociali) senza le risorse che il Ministero tarda a sbloccare, non è “messo nella condizione di poter evadere le legittime richieste“

I lavoratori “attendono da oltre 120 giorni, ovvero dallo scorso mese di maggio,
quanto loro dovuto”
si evidenza nelle lettera, oltre al fatto che “le risorse previste non sono sufficienti a coprire il protrarsi della crisi”.

Infine un invito diretto alla Catalfo: ”gli addetti dell’artigianato hanno diritto alle stesse tempistiche di pagamento degli altri lavoratori. Confidiamo nel Suo intervento per la pronta soluzione al problema e poter così pagare tutti i mesi di sospensione dei lavoratori”.