Ad anticiparlo è il quotidiano la Repubblica in edicola oggi che rivela le prossime mosse del Governo relativamente alla durata del Green pass vaccino’, la certificazione verde ottenuta con il vaccino anti-Covid.

Ecco quanto si legge sul quotidiano diretto da Maurizio Molinari:

Il problema ufficialmente non è ancora stato affrontato, ma nelle stanze del ministero della Salute e anche tra tecnici e consulenti esterni se ne parla da qualche tempo. E già si prospetta una soluzione. La validità del Green Pass rilasciato dopo il vaccino verrà estesa, probabilmente da 9 mesi a un anno. Sarà il Cts ad affrontare la questione in una prossima seduta, appena il governo invierà un quesito ufficiale agli esperti. Con l’attuale durata del documento presto sorgeranno problemi, in particolare per chi si è vaccinato all’inizio della campagna, cioè a fine 2020. Si tratta principalmente di lavoratori della sanità. A ottobre le loro certificazioni scadranno, e bisogna decidere in fretta per evitare il cortocircuito”.

Dunque la previsione è che dai primi di ottobre fino al 20 novembre praticamente la gran parte del personale sanitario e poi delle forse di polizia e via via le altre categorie si troverà con un Green pass scaduto. E il Governo dovrà presto intervenire su questa materia per dargli un’ulteriore regolamentazione, così come dovrà essere presa una decisione su ‘se’ e ‘quando’ sottoporre i cittadini ad una terza dose di vaccino. E’ chiaro che i due temi si incrociano in quanto la terza inoculazione potrebbe determinare l’automatico prolungamento dell’immunizzazione e del suo certificato.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.