Al via una nuova settimana di pagamenti dell’Assegno Unico. Dopo gli appuntamenti della settimana scorsa, Inps ha deciso di programmarne di nuovi, replicando l’intensità con cui nei giorni scorsi ha liquidato la prestazione per i figli a carico.

Se gli accrediti dell’Assegno Unico integrato al Reddito di Cittadinanza hanno lasciato i percettori del sussidio con l’amaro in bocca per via di importi a dir poco clamorosi, chi invece riceve la prestazione su IBAN può ritenersi abbastanza soddisfatto. Almeno per quanto riguarda le tempistiche e la frequenza dei pagamenti.

Anche per questa settimana, infatti, si contano 4 date utili per l’accredito relativo al mese corrente:

  • lunedì 20;
  • martedì 21;
  • mercoledì 22;
  • giovedì 23.

Se nelle prossime ore sul Fascicolo Previdenziale del Cittadino dovesse apparire la data di venerdì 24 giugno, Inps avrebbe fatto en plein. TuttoLavoro24.it provvederà come sempre a informare i suoi lettori. Già comunicato, inoltre, l’appuntamento fissato per il prossimo lunedì 27 giugno.

Meritevole di aggiornamento anche quella grossa fetta di beneficiari di Reddito di Cittadinanza che ha presentato il modulo Rdc-Com/AU: le cifre esigue che per adesso tali percettori hanno visto accreditarsi, infatti, dovrebbero essere integrate sulla base di quanto dichiarato nel modulo. Ma chi ha compilato il modulo Rdc-Com/AU quando riceverà il pagamento dell’Assegno Unico? Probabilmente nei primi giorni di luglio, dato che Inps intende rispettare queste tempistiche.

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].