HomeEvidenzaAumento Pensioni gennaio 2023 +7,3%: questi gli Importi in arrivo

Aumento Pensioni gennaio 2023 +7,3%: questi gli Importi in arrivo [FOTO]

Da gennaio 2023 le pensioni aumenteranno del 7,3%. Con la firma che il Ministro dell’Economia e delle Finanze Giancarlo Giorgetti ha posto sul decreto per l’adeguamento delle pensioni all’inflazione, è arrivata l’ufficialità.

Un adeguamento importante ma che non rispetta a pieno le aspettative: come precisa Il Messaggero, infatti, lo scatto di gennaio compenserà solo in parte l’effetto del carovita, per 2 motivi.

Da una parte, perché la percentuale del 7,3 calcolata in via provvisoria in base ai dati forniti dall’Istat risulterà quasi sicuramente più bassa di quella effettiva finale. Dall’altra, perché l’incremento pieno non varrà per tutti, ma solo per le pensioni più basse.

Tabella Aumento Pensioni gennaio 2023: gli importi

Come anticipato sopra, godranno di una rivalutazione piena del 7,3% solo ai trattamenti pensionistici fino a 4 volte il minimo, fissato per il 2022 a 525,38 euro al mese.

Ricordiamo, inoltre, che l’incremento scatterà sugli importi lordi, comprensivi del conguaglio della rivalutazione 2022 scattato a novembre (+0,2%).

Gli importi aumentati da gennaio 2023 sono quelli riportati nella seguente tabella, elaborata da Il Messaggero:

Fonte: Il Messaggero

L’aumento sarà:

  • del 100% rispetto all’inflazione per le pensioni fino a 4 volte il minimo, quindi fino a 2.097 euro mensili;
  • del 90% rispetto all’inflazione per le pensioni comprese tra 4 e 5 volte il minimo, quindi fino a 2.621,75 euro mensili;
  • del 75% rispetto all’inflazione per le pensioni che superano 5 volte il minimo, quindi oltre i 2.621,75 euro mensili.

Anche se non tutti potranno godere, appunto, di un aumento pieno del 7,3%, come spiega Il Messaggero si tratta comunque di un recupero abbastanza pieno rispetto a quello riconosciuto nel decennio scorso, quando i vari governi per risparmiare risorse finanziarie avevano previsto meccanismi molto penalizzanti per gli assegni medi e alti.

Pensioni invalidità 2023: gli aumenti

Godranno degli aumenti anche le pensioni di invalidità. In particolare:

  • l’indennità di frequenza passerà da 291,69 a 315 euro (+23,32 euro);
  • gli invalidi parziali passeranno da un assegno mensile di 291,69 euro a uno pari a 315,01 euro (+23,02 euro);
  • gli invalidi totali con incremento al milione avranno un aumento da 661 euro circa mensili a 710,14 euro (+49,14 euro);
  • l’indennità di accompagnamento passerà da 525,17 euro a 567,18 euro (+42,01 euro);
  • l’assegno di assistenza passerà da 468,11 euro a 505,55 euro (+37,44 euro).

Occhi puntati, adesso, sulla riforma delle pensioni: non solo per la flessibilità in uscita dal mondo del lavoro, ma anche per la tutela delle persone fragili.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].
spot_img
spot_img
spot_img
- Advertisment -