DALLA NOSTRA INVIATA IN SPAGNA – Mentre in Italia oggi si parte con le vaccinazioni aperte e senza prenotazioni ai minorenni (dai 12 anni a salire) la Spagna è interessata da centinaia di manifestazioni in tutto il Paese.

Gli spagnoli scendono per le strade e le vie cittadine gridando a gran voce il loro rifiuto ad un possibile obbligo di green pass nei locali e nei servizi al chiuso – che per il momento si tratta solo di un’ipotesi –, ma soprattutto per esprimere il loro dissenso alla campagna vaccinale per i minori, dichiarando che si tratta di una violazione delle proprie libertà personali.

Spagna – Foto delle manifestazioni no-Vax di questi giorni

Al giorno d’oggi, secondo i dati forniti dal Ministero della Salute spagnolo, il 54,32% della popolazione spagnola ha completato il ciclo vaccinale (si parla di circa 25 milioni di persone), mentre il 65,23% ha già avuto la somministrazione di almeno una dose.

Questi numeri si riferiscono alla popolazione maggiorenne. Per la fascia di età 12-17 anni il governo spagnolo punta ad iniziare le inoculazioni a settembre ed è proprio da questa decisione che sono nate manifestazioni in tutto il territorio iberico.

Spagna – Foto delle manifestazioni no-Vax di questi giorni

Obiettivo del Governo con la vaccinazione dei ragazzi adolescenti, come lo è del resto per l’Italia, è consentire una ripresa delle attività che inizieranno proprio a settembre, come la scuola e gli sport, in condizioni di maggiore sicurezza.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.