La cassa integrazione covid19 per le aziende che hanno iniziato a sospendere le attività e i rapporti di lavoro terminerà a partire del 16 settembre. Il Governo ha già annunciato che prolungherà gli ammortizzatori sociali oltre il 31 dicembre 2020.

Ma fino a quando? La risposta la apprendiamo proprio dalla Ministra del Lavoro Nunzia Catalfo e la riporta il manifesto in edicola oggi:

“[che] annuncia il decreto per dare «garanzia di una copertura continuativa per chi dovesse aver esaurito le settimane di cig», già dal 16 novembre e fino al 24 gennaio. Altre 8 settimane di cassa integrazione saranno poi inserite in legge di Bilancio, rifinanziata con altri 5 miliardi di euro”.

Il 24 gennaio 2021 – data annunciata dalla Catalfo – coincide anche con la data entro la quale dovrebbe scadere (con una successiva proroga) il blocco dei licenziamenti secondo l’offerta fatta dal Governo ai sindacati.

La proroga cig di cui parla la Ministra varrà per tutti i datori di lavoro ricompresi negli ammortizzatori sociali introdotti dal Decreto Cura Italia, quindi a partire dalle imprese industriali, commerciali e artigianali.

LEGGI ANCHE:

Licenziamenti «a pagamento» per le imprese: incontro Governo-sindacati

Il Sole 24 Ore – Blocco dei licenziamenti fino al 21 marzo: i sindacati incontrano il Governo

Il Sole 24 Ore – Blocco dei licenziamenti, proroga al 2021: la scadenza

Covid19 – Governo convoca d’urgenza i sindacati che chiedono: proroga Cig e Bonus